Notizie del settore
VR

Peng Shuai: la star del tennis cinese fa affermazioni per aggressione sessuale

novembre 04, 2021

La star del tennis cinese Peng Shuai ha pubblicamente accusato di violenza sessuale un funzionario comunista in pensione.


In un post sul sito di social media cinese Weibo, la signora Peng ha detto che l'ex vicepremier, Zhang Gaoli, l'ha "costretta" ad avere rapporti sessuali con lui.


È la prima volta che un'accusa del genere viene avanzata contro uno degli alti leader politici cinesi.


Il signor Zhang non ha risposto alle sue affermazioni. Da allora il post è stato cancellato da Internet cinese.


Anche le ricerche della sig.ra Peng - un'ex giocatrice di doppio di tennis numero uno in classifica - sembrano essere state limitate.


Il signor Zhang, 75 anni, è stato vicepremier cinese dal 2013 al 2018 ed è stato uno stretto alleato del presidente cinese Xi Jinping.


"So che qualcuno di vostra eminenza, il vicepremier Zhang Gaoli, dirà che non ha paura", ha scritto la Peng nel suo post, "ma anche se si tratta solo di colpire un sasso con un sasso, o una falena che attacca una fiamma e corteggiando l'autodistruzione, dirò la verità su di te."


Ha detto che l'aveva costretta per la prima volta dopo che aveva visitato la sua casa per giocare a tennis. "Quel pomeriggio non ho dato il mio consenso e non riuscivo a smettere di piangere", ha scritto. "Mi hai portato a casa tua e hai costretto me e te ad avere dei parenti".


La sig.ra Peng, 35 anni, ha riconosciuto che non sarebbe stata in grado di fornire prove a sostegno delle sue affermazioni.


"Non ho prove, ed è stato impossibile lasciare prove... Hai sempre avuto paura che portassi qualcosa come un registratore, per registrare prove o qualcosa del genere... Non c'è registrazione audio, nessuna registrazione video, solo la mia esperienza distorta ma molto reale."


L'icona #MeToo La Cina sta cercando di mettere a tacere

Il tribunale cinese respinge il caso storico #MeToo

I pubblici ministeri cinesi archiviano il caso di aggressione sessuale di Alibaba

Il post sui social media della star del tennis è l'ultimo sviluppo di una serie di casi MeToo di alto profilo in Cina. Una popolare conduttrice televisiva, Zhou Xiaoxuan, si è fatta avanti con le sue affermazioni contro un altro personaggio televisivo, Zhu Jun in un saggio online nel 2018.


Il pezzo è diventato virale e ha spinto molti altri a farsi avanti con le proprie esperienze di molestie sessuali. Il signor Zhu ha negato tutte le affermazioni.


Sebbene la sig.ra Zhou abbia avviato un'azione legale contro il sig. Zhu, il caso è stato archiviato a settembre.


I tribunali cinesi raramente concedono udienze a casi del genere e solo di recente il paese ha approvato una legislazione che definisce chiaramente le molestie sessuali.


Nella sua carriera tennistica, la Peng ha vinto due trofei di doppio femminile del Grande Slam, il primo a Wimbledon nel 2013 e il secondo al Roland Garros nel 2014, entrambi insieme alla taiwanese Hsieh Su-wei.




Restrizioni e soluzioni creative

Di Kerry Allen, analista dei media cinesi


Peng Shuai è una grande star e una sua ricerca sul motore di ricerca più popolare della Cina, Baidu, mostra più di sette milioni di risultati.


Ma ci sono prove di un enorme giro di vite sul popolare microblog di Sina Weibo - l'equivalente cinese di Facebook - per impedire alle persone di parlare di lei.


Una ricerca del suo nome mostra solo circa 700 risultati e gli utenti non vedono alcun risultato quando cercano il suo account, nonostante abbia più di mezzo milione di follower.


Gli utenti Weibo sono protetti dalla visualizzazione dei commenti pubblicati da normali utenti dei social media: i risultati di ricerca su Weibo mostrano solo i post di account di media governativi verificati. Allo stesso modo, la parola "tennis" in cinese mostra solo risultati verificati e non post di utenti ordinari.


Le restrizioni sui risultati di ricerca vengono comunemente imposte quando un argomento diventa sensibile, poiché storicamente la censura totale delle parole sensibili ha reso la censura molto più ovvia.


I nomi della massima leadership cinese, passata e presente, sono state a lungo parole delicate su Sina Weibo. Gli utenti non sono stati in grado di cercare i commenti ordinari lasciati dagli utenti sul Politburo cinese e hanno visto solo i post dei media ufficiali.


Tuttavia, gli utenti dei social media hanno da tempo trovato soluzioni alternative creative per far sentire la loro voce. Alcuni utenti parlano di lei commentando post su un altro tennista, Zhang Shuai.


Storicamente, gli utenti hanno anche usato le parole per "riso" e "coniglio" per parlare del movimento Me Too, poiché le parole cinesi per riso e coniglio sono pronunciate "anche io".


Informazioni di base
  • Anno stabilito
    --
  • tipo di affari
    --
  • Paese / regione
    --
  • Industria principale
    --
  • Prodotti Principali
    --
  • Persona giuridica aziendale
    --
  • Dipendenti totali
    --
  • Valore di uscita annuale
    --
  • Mercato delle esportazioni
    --
  • Clienti collaborati
    --
Chat
Now

Invia la tua richiesta

Scegli una lingua diversa
English
Deutsch
Español
français
italiano
日本語
한국어
русский
Lingua corrente:italiano