Notizie del settore
VR

Il giocatore di cricket sudafricano Quinton de Kock si scusa per essersi rifiutato di inginocchiarsi, insistendo sul fatto che "non è un razzista"

ottobre 29, 2021

Giocatore di cricket sudafricano Quinton de Kock si è scusato per essersi rifiutato di inginocchiarsi e insiste sul fatto che "non è un razzista".

Il wicketkeeper ha annunciato di aver preso la "decisione personale" di non inginocchiarsi prima delle partite del T20 in corso Coppa del Mondo.
La sua decisione è arrivata dopo che il consiglio di amministrazione del Cricket South Africa (CSA) ha affermato che tutti i giocatori avrebbero dovuto inginocchiarsi prima Coppa del Mondo giochi negli Emirati Arabi Uniti.
    Il 28enne de Kock non è apparso nella partita del Sudafrica contro le Indie occidentali martedì.
      Ma in una dichiarazione rilasciata giovedì, de Kock disse era "profondamente dispiaciuto per tutto il dolore, la confusione e la rabbia che ho causato".


      "Vorrei iniziare chiedendo scusa ai miei compagni di squadra e ai tifosi a casa", ha detto. "Non ho mai voluto fare di questo un problema di Quinton.
      "Capisco l'importanza di opporsi al razzismo e capisco anche la responsabilità di noi giocatori di dare l'esempio. Se mi metto in ginocchio aiuta a educare gli altri e migliora la vita degli altri, sono più che felice di farlo Così."
      Nella dichiarazione, de Kock ha spiegato che le questioni relative alla razza sono particolarmente importanti per lui poiché proviene da una famiglia di razza mista. "Le mie sorellastre sono di colore e la mia matrigna è nera. Per me, le vite dei neri sono importanti da quando sono nata. Non solo perché c'era un movimento internazionale".
      Tuttavia, sentiva che i suoi "diritti gli erano stati tolti" dalla decisione della CSA di ordinare ai giocatori di inginocchiarsi.
      "Dalla nostra chiacchierata con il consiglio di ieri sera, che è stata molto emozionante, penso che anche noi tutti abbiamo una migliore comprensione delle loro intenzioni. Vorrei che fosse successo prima, perché quello che è successo il giorno della partita avrebbe potuto essere evitato.
      Ha continuato: "Non capivo perché dovessi dimostrarlo con un gesto, quando vivo, imparo e amo persone di ogni ceto sociale ogni giorno. Quando ti viene detto cosa fare, senza discussioni, mi sentivo come toglie il significato Se fossi razzista, avrei potuto facilmente inginocchiarmi e mentire, il che è sbagliato e non costruisce una società migliore.
      "Coloro che sono cresciuti con me e hanno giocato con me, sanno che tipo di persona sono. Sono stato chiamato in molte cose come giocatore di cricket. Doff. Stupido. Egoista. Immaturo. Ma quelli non hanno fatto male. Essere chiamato razzista per un malinteso mi ferisce profondamente.
      "Fa male alla mia famiglia. Fa male a mia moglie incinta. Non sono un razzista. Nel profondo del mio cuore, lo so. E penso che quelli che mi conoscono lo sappiano".
      Il gesto antirazzismo degli atleti che si inginocchiano, reso famoso nel 2016 dal quarterback della NFL Colin Kaepernick, è diventato uno spettacolo sempre più comune negli impianti sportivi come dimostrazione di sostegno al movimento Black Lives Matter.
      Nella Premier League inglese, ad esempio, i giocatori si sono inginocchiati prima delle partite dalla stagione 2019/20.
      Ma il gesto si è rivelato divisivo, anche dell'essere fischiato dai fan alle partite di calcio, in particolare dalla nazionale inglese a Euro 2020.



      Informazioni di base
      • Anno stabilito
        --
      • tipo di affari
        --
      • Paese / regione
        --
      • Industria principale
        --
      • Prodotti Principali
        --
      • Persona giuridica aziendale
        --
      • Dipendenti totali
        --
      • Valore di uscita annuale
        --
      • Mercato delle esportazioni
        --
      • Clienti collaborati
        --
      Chat
      Now

      Invia la tua richiesta

      Scegli una lingua diversa
      English
      Deutsch
      Español
      français
      italiano
      日本語
      한국어
      русский
      Lingua corrente:italiano